Roberto Bagnasco (FI): “Dal nuovo Parlamento meno ideologia più concretezza”